Archivi tag: gheddafi

Si raccoglie ciò che si semina

Ne son successe di cose in questo periodo; dall’uccisione di Gheddafi (non scandalizziamoci, si raccoglie ciò che si semina), al paese Italia che crolla (anche qui a raccolta non siamo messi benissimo) , ai soliti Idioti (no, non il film, quelli in parlamento intendo) che fanno come al solito i furbetti: giusto per non perdere un centesimo, i tagli che il governo aveva previsto nel 2010 sugli stipendi dei dipendenti pubblici riguarda tutti i dipendenti pubblici tranne loro. Infatti, secondo il Ministero dell’economia, i politici non sono titolari di un rapporto di lavoro dipendente, quindi quello che si erano tolto dallo stipendio in questi mesi, verrà riaccreditato subito in busta paga.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/10/19/il-governo-si-taglia-i-tagli-ministri-e-sottosegretari-rimborsati-dal-fisco/164907/

C’è poco da dire, ci provano in tutti i modi a raccogliere il più possibile prima scappare con la cassa. Purtroppo forse non conoscono bene il detto “chi semina vento raccoglie tempesta”. Il popolo Italiano è sempre stato molto volubile, e spesso accentua in maniera esagerata le proprie reazioni e il proprio coinvolgimento: succede costantemente nelle tifoserie di calcio, è successo in politica con Mussolini: prima fascisti, poi partigiani, e come reazione al crollo un “eccessiva” violenza sfociata in Piazzale Loreto.  Sacconi parla di violenti, di frange armate.. Io dico che non c’è niente di tutto questo ad oggi. Ma domani la gente potrebbe trovarsi senza soldi nelle banche, e a quel punto la reazione potrebbe essere eccessiva; e non so se la rabbia sarà rivolta verso supermercati da svaligiare per prendere il cibo, oppure il popolo, accecato dalla reazione come a Piazzale Loreto, andrà a cercare a casa i colpevoli; e non credo in tal caso che a Sacconi potrebbe bastare la polizia per difendersi. Forse la polizia quel giorno sarà dalla nostra parte e a loro non basteranno tutti i soldi rubati fino ad oggi per salvarsi.

Un consiglio di disobbedienza: se provassero a rimettere una patrimoniale, un prelievo forzato dai conti correnti dei cittadini per risanare il debito, consiglio a chi può di ritirare tutti i soldi dalla banca e cercare un alternativa di deposito. Io il debito non lo pago, i miei soldi non glieli lascio prendere. Che lo paghino loro il LORO debito.